747 Wing House by David Hertz Architects

Un trionfo del design rigenerativo firmato David Hertz Architects, il 747 Wing House trasforma i componenti degli aeroplani in forme poetiche del tetto.

Ispirato dalle colline remote di questa proprietà di Malibu, David Hertz Architects ha voluto ideare un design per questa casa che consentisse una vista senza ostacoli delle catene montuose che circondano il sito.
Con l’obiettivo iniziale degli architetti di incorporare gli oggetti trovati nel loro design unito all’ idea del proprietario di realizzare un tetto galleggiante e curvo, è emersa l’idea di utilizzare le ali degli aeroplani come materiale del tetto.
Dopo aver condotto ulteriori ricerche, è stato deciso che le ali degli aeroplani sarebbero state l’ideale per massimizzare le viste dalla casa.

Upcycling

Il Boeing era diretto a un mucchio di spazzatura prima che S.E.A. (Studio of Environmental architecture) lo intercettasse e reinventasse come architettura.
Le ali e gli stabilizzatori di coda sono stati tutti pre-progettati come strutture autoportanti, rendendoli perfetti profili leggeri del tetto a campata lunga.
Il progetto rappresenta l’impegno di S.E.A. per massimizzare la longevità dei cicli di vita degli edifici e dei prodotti in modi nuovi.

Il riciclaggio dei materiali è una delle grandi sfide che ci attendono nel futuro.
Esso permetterebbe, il risparmio di preziose materie prime e l’alleggerimento del carico di rifiuti trasportati ogni giorno verso le discariche. Il riutilizzo di scarti e materiali rimossi e reintrodotti nel ciclo produttivo è già possibile.

L’upcycling si basa su un approccio al problema ancora più green, infatti, il tutto avviene nello stesso momento in cui si decide di disfarsi di un oggetto, spingendo il consumatore a comprendere se quell’oggetto può essere utilizzato per un altro scopo rispetto a quello originario. Questo metodo si può definire come una vera e propria arte di riconversione di prodotti e sistemi, con lo scopo di prolungare il loro ciclo di vita.
Il progetto 747 wing house è un perfetto esempio di upcycling.

Costruzione

Poiché il materiale del tetto è stato ottenuto da aerei che erano stati ritirati nei deserti della California, gli architetti sono stati in grado di acquistare le parti di cui avevano bisogno al prezzo basso della loro materia prima, l’alluminio.

Inizialmente, l’intento era quello di comprare solo alcuni elementi dell’aeroplano, ma una volta analizzati i costi, Hertz afferma che sembrava più opportuno comprare l’intero velivolo piuttosto che i singoli pezzi. L’affare è stato chiuso per meno di  $ 50.000.

Sebbene i pezzi dovessero essere trasportati in elicottero, questo metodo di trasporto era un’alternativa ragionevole considerando l’alto costo di portare manodopera e materiali tradizionali al sito. Il costo del elicottero si aggira intorno agli $ 8.000 l’ora.

Progetto

Gli architetti hanno acquistato l’intero aereo e hanno utilizzato quanti più componenti possibili nella progettazione, in modo da non sprecare più del necessario.
I finestrini della cabina di pilotaggio dell’aereo sono stati ricostruiti in un lucernario. Il pozzo del fuoco della casa è stato ricavato dal cofano del motore. Il ponte della cabina di prima classe è stato riutilizzato nel tetto della guest house.
Tutte le parti dell’aereo provenivano da un Boeing 747-200.

Design

La casa è sostanzialmente suddivisa in tre livelli con due edifici separati ma collegati tra di loro. Utilizza l’ala sinistra come tetto della struttura inferiore, che si trova parzialmente all’aperto e ha i soffitti alti 5,5 metri. Spostandosi nella parte superiore, l’edificio ha come tetto principale l’ala destra del 747 e gli stabilizzatori orizzontali di coda come tetti della camera matrimoniale e bagno.

Il terreno circostante disponibile è talmente ampio (22 ettari) da aver lasciato spazio a tutti i progetti secondari dell’architetto.

Una sezione di tutta la parte anteriore dell’aereo, di 28 metri di diametro e 45 metri di altezza, crea un padiglione per la meditazione.
Con i finestrini della cabina di guida si è realizzato un lucernario e dal cofano del motore sono stati creati gli elementi decorativi per il giardino.

Architettura e tempo

Il 747 ha rappresentato la più grande conquista industriale nella storia moderna e il suo abbandono nel deserto sancisce l’obsolescenza e la natura effimera della nostra tecnologia e della nostra società.
Come risultato strutturale e ingegneristico, l’aereo racchiude molto spazio utilizzando la minor quantità di materiali in un modo molto efficace ed efficiente. Il riciclaggio dei 4,5 milioni di parti dell’aereo è visto come un esempio estremo di riutilizzo e appropriazione sostenibile.

Con il progetto 747 wing house, David Hertz Architects esprime un messaggio forte e chiaro: l’architettura è in grado di vincere il trascorrere del tempo.
Un aereo obsoleto si trasforma in un’abitazione all’avanguardia.

photo by: Archdaily